sabato 28 novembre 2009

Risposte

...(Monet - Ninfee)


“Che fai tu luna in ciel?” Chiese lo stagno.
“Guardo, mi specchio e poco ci guadagno.”
“Che fai tu luna in ciel?” Chiese il gabbiano.
“Giro, ma non so andare più lontano.”
“Che fai?” Chiese l’astrologo alla luna.
“Non porto né fortuna, né sfortuna.”
“Che fai?” Chiese alla luna il mio bambino.
“Tramonto.” Lei rispose. E fu mattino.

Mara Bagatella – ottobre 2009

... Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

7 commenti:

  1. la filastrocca un po' scema che ho spedito al concorso di cui parlavo nel precedente post! :-)

    RispondiElimina
  2. Che carina! Non è un pò scema, è molto dolce! Sembra una ninna nanna per bambini, una di quelle filastrocche che mi recitava mia mamma quando ero piccola e mi teneva in braccio. Bellissima!

    RispondiElimina
  3. La filastrocca è bella e non mi sembra per niente scema....
    Se la si legge con attenzione può trasmettere qualcosa di più profondo.....di sicuro però per la luna deve essere stato come un interrogatorio di terzo grado!!!!!!!!ah ah ah.....
    in verità però diciamo che la luna è stata fortunata e in fondo coraggiosa....aveva le risposte pronte....ma quando ti fanno una domanta e non sai rispondere,quando ti trovi a contatto con una realtà piena di domande e con la risposte più assurde cosa fai???
    ci sono persone che sono invadenti e passano il tempo a chiedere, ma ci sono anche quelle che non chiedono e si tengono tutto dentro....allora come bisogna comportarsi??? Bisogna chiedere o bisogna rispondere???? Nel mondo d'oggi le persone che chiedono sono tante....quelle che hammo il coraggio di rispondere no.....dovremmo creare più "lune"...lei cosa ne pensa???
    Un bacione Cate

    RispondiElimina
  4. Questa poesia è bellissima, inoltre mi ha fatto capire che a volte si fanno troppe domande e alla fine si danno delle risposte "poco importanti"cioè si risponde tanto per fare e questo non va bene.
    poi troviamo quelle domande che non hanno risposte o perchè sono assurde o semplicemente perchè si ha paura di dare una risposta che possa "alterare" lo stato d'animo di chi ha fatto la domanda.
    Esistono infine le milioni di domande e le zero risposte che spesso danno sui nervi.
    insomma, a voi la scelta!!
    un bacio gloria

    RispondiElimina
  5. ora ho capito perché non hai vinto il concorso!
    ...
    ...
    ...
    :)))))))))))))))))))))))))))))))))
    :-P

    RispondiElimina
  6. Massimiliano antipatico! :-P

    RispondiElimina
  7. ué che fai mi sgridi!!???

    :))))))

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...